aumentare-traffico-blog

Aumentare il traffico del blog? Metodo Canva!

+226,67%

Questa è la crescita che il blog di Canva, celebre tool di design semplice, intuitivo, bellissimo e che soprattutto non ha più bisogno di presentazioni, ha conosciuto in termini di impressions negli ultimi due mesi.

Da aspirante content strategist ho indagato sulle azioni che hanno portato il suo successo di visite estrapolando cosa un blogger può imparare da questa case history.

Come aumentare il traffico del tuo blog: il caso Canva

Il blog di Canva, da qualche mese, ha aggiunto una nuova sezione chiamata “Design School”: dà idee e consigli di design utilissimi a chi, grazie al celebre tool, abbellisce il suo blog e gestisce le sue pagine social.

aumentare-traffico-blog-canva

Le analytics fornite da Buffer confermano la crescita esponenziale: seppur un solo articolo è diventato virale, si può notare un sostanziale aumento delle impression.

Nelle prossime righe cercherò di raccontare la content strategy del blog di Canva e come noi, umili blogger da strapazzo (ma con immenso entusiasmo 😉 ) possiamo prenderne preziosi spunti.

1. Conosci il tuo mercato

L’engagement che si sviluppa attorno ad un topic è senz’altro un fattore che ne determina la potenziale viralità.

Un metodo molto semplice per tracciare il tutto è usufruire di alcuni tool online che permettono di farlo in maniera molto veloce: Buzzsumo, ad esempio, è un immenso strumento, ma che ahimé costa 79$ dal mese (nella sua versione più economica) non proprio una cifra abbordabile per ogni piccolo blogger.

Grazie ai recenti miglioramenti apportati, come tool gratuito consiglio di utilizzare la Twitter Search.

aumentare-traffico-blog-canva

In base alle condivisioni e alle interazioni su un determinato argomento o hashtag, possiamo capire la portata delle condivisioni (tramite i retweet e i preferiti): inoltre la ricerca avanzata ti permetterà di stringere ancor di più il campo della ricerca, in maniera molto immediata e semplice.

Chiaramente la Twitter search non è paragonabile alla quantità di dati che può fornirti Buzzsumo, ma senza dubbio può darti un’idea oggettiva e non basata su “sensazioni” di quanto una tematica è condivisa sui social: elemento fondamentale per capire la potenziale viralità di una determinata keyword.

2. Scopri le sue lacune

Ora sappiamo quali sono gli argomenti che scottano e in questa fase l’obbiettivo è capire quali contenuti vorrebbe leggere il nostro target.

aumentare-traffico-blog-canva

A tal fine, mi trovo molto bene utilizzando Yahoo Answer: digitate delle keyword che ruotano intorno all’argomento di vostro interesse e cerchiamo di capire se ci sono domande che sulla rete ancora non hanno risposte, o ne hanno poche o sono inconsistenti.

Strumento sempre gratis e che reputo per molti versi più completo di Yahoo Answer è Topsy, che traccia le tue ricerche sull’immenso database delle conversazioni di Twitter.

aumentare-traffico-blog-canva

Potrai filtrare le tue ricerche in base ai giorni di pertinenza, oppure se cerchi in particolare foto o video, potrai utilizzare i potentissimi filtri di Topsy. L’unico limite? Non è ancora disponibile la ricerca in lingua italiana: quindi se le keyword che cerchi sono ambigue (ad esempio, “content marketing”), potresti non riuscire ad ottenere dei risultati pertinenti.

3. Scrivi il tuo miglior post!

Conosci perfettamente la potenza sociale della tua keyword e sai cosa vuole sapere il tuo target e per quali domande ancora non c’è una risposta esauriente: bene ora tocca a te, tramite il miglior post che tu abbia mai fatto, dare risposte concrete.

Ci sono già dei contenuti per quell’argomento? Sfrutta la tecnica Skyscraper: prendi i contenuti esistenti, con molto traffico e fai di meglio. Nota se non sono aggiornati o presentano, appunto, delle grandi falle e compensali con le tue idee e le tue esperienze: i vantaggi, anche a livello Seo, non sono più un mistero.

Conclusioni

In maniera molto semplificata, sfruttando tool completamente gratuiti, c’è la possibilità di intercettare una domanda di contenuti latente e che ancora non ha risposte esaurienti per poter creare un boom di impressions al tuo blog.

Bisogna precisare che, alla base dell’aumento spropositato che ha vissuto il blog di Canva, c’è un prodotto straordinario con tutte le carte in regola per essere virale: oggi il famoso design tool ha quasi 2,5 milioni di utenti attivi, quindi un’audience naturale pazzesca. Ciò inevitabilmente influisce sull’eccezionalità del +226,67%.

Cosa ne pensi? Aggiungeresti l’utilizzo di qualche tool gratuito con cui ti trovi bene per la tua content strategy?

 

Mauro
Blogger da quando avevo 15 anni, oggi Web Marketer appassionato. Sono curioso come una scimmia, e soffro di due forti dipendenze: la musica e la pizza.

One thought on “Aumentare il traffico del blog? Metodo Canva!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.