come scrivere la pagina chi sono

Come scrivere la pagina “Chi Sono” per il tuo blog: la mini-guida completa

4
(6)

Scrivere la pagina chi sono del tuo blog è tutt’altro che una passeggiata.

Infatti se credi che te la puoi cavare con qualche fatto della tua vita e una bel selfie al centro della pagina, beh, stai andando nella direzione sbagliata: un “about page” efficace deve essere molto più di questo.

Perché è importante? Perché quando un nuovo visitatore del blog apprezzerà un tuo articolo, vorrà scoprire chi sei e se può considerarti una fonte attendibile.

Per questo credo che la pagina chi sono sia una chance che non puoi perdere con una scrittura sommaria o con poco focus su ciò che è importante per il lettore.

In questi 5 punti troverai una mini-guida che ti seguirà passo dopo passo nella stesura di un about page efficace e persuasiva.

Buona lettura! 

scrivere la pagina chi sono

1) Metti i tuoi lettori davanti a tutto

Il titolo della pagina “Chi sono” può spingerti, in prima istanza, a scrivere unicamente di te stesso.

E in parte è vero: in quest’area del tuo blog ci sarà spazio anche per raccontarti. Ma ciò che davvero si aspetta l’utente è “come TU puoi aiutare LUI”.

Quindi prima di gettarti nella scrittura di un monologo in cui racconti quanto sei bravo, pensa a come i tuoi post possono essere utili al tuo lettore target.

2) Perché un blog?

Già dalle prime righe ti consiglio di comunicare al tuo lettore il vero motivo per cui hai aperto il blog.

Ecco un estratto della pagina “Chi Sono” di MoltoContent:

“… ho aperto nel 2014 MoltoContent per diversi motivi:

– perché amo scrivere e amo il digital marketing;

– perché mi piace condividere ciò che imparo e aiutare persone e aziende a far crescere i loro progetti;

– perché mi piace il confronto: e più la tua domanda sarà complicata, meglio è!”

 

Questa scelta non è casuale perché desidero, già dalle prime righe, creare una connessione con il mio utente tipo e posso crearla solo se parto da ciò che realmente mi ha spinto a creare un blog come questo.

3) Cosa c’è di speciale in te e nel tuo blog?

Creata la connessione con il lettore, ora è il momento di raccontargli cosa otterranno dal tempo speso nel tuo blog. Nello strutturare questa parte, prova a rispondere a queste domande:

  • Perché l’utente dovrebbe leggerti? Ecco una formula che può funzionare “Se ami X, Y, Z, questo è il posto giusto”.
  • Quali benefit avrai dai miei post? Consigli per aumentare i fatturati? Nuove idee per il vestiario? Ricette per celiaci? Comunica direttamente al lettore cosa dovrà aspettarsi.
  • Che tipi di post scriverai? Hai scritto una o più serie di post su argomenti che potrebbero interessare al tuo lettore? Questo è il momento giusto per raccontarli.
  • Perché dovresti meritarti la sua fiducia? Qui dovrai essere persuasivo. Scrivi i risultati che il tuo blog ha raggiunto (visitatori? condivisioni da testate importanti? premi?), oppure racconta le tue esperienze lavorative, oppure condividi il tuo amore per l’argomento che tratti e la tua voglia di condividerlo. Insomma vendi ciò che hai, senza bluffare.

4) La tua biografia

Finalmente è arrivato il tuo momento. Questa parte autobiografica ti consiglio di scriverla liberamente perché deve trasparire chi sei e quello che ti piace fare. Ecco qualche idea:

  • Racconta quando hai iniziato ad interessarti ad “X”
  • Spiega il perché X è la tua passione
  • parla della tua città
  • condividi i tuoi hobby

ℹ️ Un consiglio: non eccedere nella lunghezza e, perché no, cerca di strappare un sorriso.

5) Non dimenticare la Call to Action

Amo scrivere, ma anche leggere altri blogger. Ed è incredibile come molte belle pagine “chi sono” naufraghino in una cosa fondamentale: la chiamata all’azione! Cos’è la chiamata all’azione o Call To Action? Significa incoraggiare i lettori a compiere un’azione. Ecco qualche esempio:

  • iscriviti alla newsletter
  • seguimi sui social
  • contattami per una consulenza gratuita

Perché la call to action è così importante? Perché l’ultima cosa che vogliamo è che il lettore ci legga appassionatamente per poi dimenticarci! Quindi proviamo a legarlo a noi portandolo sui nostri profili social, oppure facendolo iscrivere alla nostra newsletter oppure spronandolo a compilare una richiesta di contatto.

Conclusione

Spero che questa mini-guida possa esserti utile per approcciare alla tua pagina chi sono con l’attenzione che merita rendendola più efficace. Ora è il tuo turno: hai domande o perplessità? Scrivimi tra i commenti!

Ti è stato utile questo post?

Il tuo feedback è importante! ❤️

Ahia! Mi dispiace... 🙁

Secondo te, come potrei migliorare questo post?

Mauro
Appassionato Inbound Marketer dal 2014. Scrivo per condividere, imparare e aiutare.

2 thoughts on “Come scrivere la pagina “Chi Sono” per il tuo blog: la mini-guida completa”

  1. “Molto Content aspira ad essere una palestra per ogni web writer che vuole migliorare la propria scrittura e raggiungere più velocemente con il proprio blog”. Raggiungere più velocemente che cosa?

    1. “gli obiettivi”. Grazie Andrea, nel riportare il testo della pagina devo essermi perso qualcosa per strada. Aggiornato subito 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.