Completa il suono della tua auto con un subwoofer

I suoni a bassa frequenza sono una componente importante del buon suono. La qualità di un sistema audio dipende dalla sua capacità di riprodurre le note basse coś come quelle alte. Alcuni tipi di musica beneficiano più di altri di un grande subwoofer, ma l’aggiunta di bassi di qualità a un sistema stereo dà vita alla musica.

Se state pensando di aggiungere un subwoofer a un impianto di altoparlanti esistente o di costruire qualcosa da zero, ecco alcuni dettagli importanti da considerare.

Le dimensioni contano

Le dimensioni del subwoofer sono uno dei fattori principali che determinano il volume e la profondità che pụ raggiungere. Come regola generale, i subwoofer più grandi producono bassi migliori, quindi tienilo a mente quando cerchi l’unità ideale.

Lo spazio è anche una preoccupazione nei sistemi audio delle auto. È essenziale che prendiate le misure dello spazio disponibile prima di iniziare gli acquisti. Se stai cercando il basso più potente che puoi ottenere, allora vai per il più grande subwoofer che si adatta al tuo veicolo.

Come intrappolare il suono in una cassa

Mentre la dimensione del subwoofer è importante, il tipo di cassa che scegliete pụ avere un impatto maggiore. L’involucro, spesso chiamato scatola, è proprio questo: una scatola che contiene il subwoofer. I tre principali tipi di involucri sono:

  • Sigillato
  • Ported
  • Bandpass

Se vuoi bassi eccezionalmente profondi che non suonino come se il subwoofer stesse scoreggiando, opta per un cabinet sigillato. In alcuni casi, un subwoofer più piccolo in un contenitore sigillato ben costruito produrrà bassi più profondi di un subwoofer più grande in un contenitore aperto. Questo tipo di involucro è l’ideale per ottenere bassi precisi e definiti che non faranno esplodere le tue otturazioni.

Le strutture ported e bandpass tendono ad essere più forti ma non coś profonde. Se ascoltate musica che richiede bassi estremamente forti e non vi preoccupate molto dell’accuratezza delle basse frequenze, considerate una di queste casse.

L’altra opzione è quella di scegliere un subwoofer progettato per funzionare senza cabinet. Questi subwoofer sono di solito montati su una piastra installata all’interno del bagagliaio. Il bagagliaio deve essere relativamente ermetico perché agisce come un recinto de facto.

Potenza, sensibilità, frequenza e impedenza

Mentre le dimensioni del subwoofer e il tipo di involucro sono importanti, le specifiche da cercare sono il valore RMS, SPL, gamma di frequenza e ohm.

Il livello di potenza (RMS) si riferisce alle caratteristiche di gestione della potenza del subwoofer. Un valore RMS più alto significa più bassi. Tuttavia, un alto valore RMS è inutile senza qualcosa che lo alimenti, quindi avrete bisogno di un’unità principale o un amplificatore che corrisponda (o preferibilmente superi) l’RMS del subwoofer.

La sensibilità, espressa come un numero di livello di pressione sonora (SPL), si riferisce alla potenza necessaria al subwoofer per produrre un determinato volume. I subwoofer con alte valutazioni SPL non hanno bisogno di tanta potenza per produrre alti volumi come i subwoofer con basse valutazioni SPL. Questo significa che vorrete un subwoofer con alta sensibilità se il vostro amplificatore o unità principale non ha abbastanza potenza.

La frequenza si riferisce alla gamma di suoni che il subwoofer pụ produrre, quindi cercate un’unità all’estremità inferiore della scala. Tuttavia, il suono che si ottiene da un subwoofer dipende dal tipo di involucro che si sceglie. Dato che l’involucro pụ modulare i suoni che raggiungono le vostre orecchie, i numeri di frequenza del subwoofer potrebbero non riflettere accuratamente le sue prestazioni reali.

Per ottenere il massimo dal vostro amplificatore e subwoofer, è importante che l’impedenza corrisponda. Questa cifra è espressa in ohm e si riferisce alla resistenza elettrica del subwoofer. Una bassa impedenza significa che l’altoparlante pụ ricevere più segnali elettrici, migliorando coś la fedeltà dell’audio. Come concetto, l’impedenza è relativamente semplice, ma diventa più complicato a seconda di come un subwoofer è cablato, o se ha bobine multiple, tra le altre variabili.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir arriba