metodo blog post efficace

Blog post efficace? Una questione di metodo

Emilio Salgari, scriveva:

“Scrivere è come viaggiare, ma senza la seccatura dei bagagli”

Ed è vero. Ma per i contenuti web è un tantino diverso: di bagagli e bussole ne devi avere! Infatti oggi vorrei rispondere ad una domanda che ogni buon blogger si fa ogni volta accende il suo pc: come scrivere un blog post efficace, che abbia davvero appeal e coinvolga l’utente finale?

Il successo di un blog post dipende da tanti fattori. In questo post ci concentreremo sul metodo che porta alla scrittura di un post leggibile e scorrevole.

Come si scrivono blog post efficaci? Pianificando in step precisi il proprio lavoro

Salgari ha ragione: scrivere può portarti ovunque, in territori inesplorati. Ma la scrittura web e in particolare i blog post, al contrario, deve avere una chiara destinazione altrimenti, niente obbiettivo, niente efficacia, niente ROI e addio cliente. 

Seguono in queste righe gli step che suggerisce Ann Handley nel suo bellissimo e omonimo blog. Da quando li sto applicando fedelmente nel quotidiano, il mio modo di scrivere ne ha giovato in maniera immediata per la gioia dei miei datori di lavoro e dei miei clienti. E sono convinto che migliorerà anche i tuoi post (a meno che, questi step, tu non li rispetti già…).

1. Definisci l’obbiettivo del tuo blog post

Definire l’obbiettivo significa stabilire il core del nostro messaggio e il suo motivo di esistenza. Ad esempio: voglio lanciare il nuovo servizio di consegna a domicilio del mio ristorante perché è incredibilmente veloce e al tempo stesso permette un’ampia scelta di piatti. Perfetto: fai in modo che tutta la comunicazione che imposti ruoti intorno a questo producendo, e lo ripeterò fino alla nausea perché ci credo ciecamente, contenuti fruibili dagli utenti.

blog-post-efficace

2. Il metodo dei “E Perché?”

Avete presente la barzelletta del bambino che chiedeva sempre “perché” ad ogni risposta di suo padre portandolo al completo delirio? Bene, fate finta che quel bambino è il nostro utente obbiettivo: voi dovete immedesimarvi in lui e dovete cercare con curiosità morbosa tutti i motivi perché questo meraviglioso servizio di consegna a domicilio è così affidabile, preciso e perché un normale consumatore deve preferirlo ad un tuo concorrente o al mangiare direttamente al ristorante un piatto cucinato al momento.

Non bisogna essere banali, ma al tempo stesso non bisogna mai dare nulla per scontato. Mettete tutto su carta, su un documento word, sul vostro tablet o qualsiasi altro strumento solitamente utilizzate per tenere traccia di questo flusso di pensieri.

blog-post-efficace

3. Ricerca

Stilando i vostri perché vi accorgerete che non a tutti siete in grado di dare una risposta: è qui che entriamo nella fase di ricerca.

Trasformatevi in ciò che eravate quando eravate solo degli appassionati di web: dei semplici, ma coraggiosi e indomiti web-surfer. Scandaglia Google in lungo e in largo per trovare le risposte che cerchi e annotale in ordine sparso e causale: per ora non ha importanza dare un senso a tutto. Per ora ho detto…

blog-post-efficace

4. Organizza

Eccoci qui. Hai tutto il materiale grezzo che ti serve: ritornando al mio vecchio amore per il cibo direi che hai la farina, lo zucchero, il  burro, le uova e il lievito per fare un dolce straordinario e per dargli finalmente un senso devi impastarlo come si deve e inserire gli ingredienti nelle giuste proporzioni.

Bene, seguendo questo parallelo, seleziona, ordina tutti i dati che hai raccolto nella fase di ricerca e decidi quale tipo di web content può valorizzare di più il tuo blog post: una lista, un how-to-do, un’infografica, una case-history, un sillogismo e così via.

Sappi che la forma del tuo contenuto influenzerà notevolmente la sua efficiacia: giocatela bene e soprattutto, prendi spunto dalle scelte fatte da chi è più bravo di te e me (tipo questo signore qui…).

5. Scrivi ad una persona

Immagina di scrivere direttamente alla persona che ha bisogno del servizio di consegna a domicilio.

È una persona che non ha mai tempo, torna tardi la sera e ha bisogno di velocità, affidabilità, precisione e qualità di prodotto, perché magari è un target altospendente e blablabla.

Risolvi il problema di una persona e il tuo contenuto non potrà passare inosservato!

6. Scrivi a braccio la tua bozza

Questo non è il momento di fare i perfettini. Quando scrivevo i miei primi contenuti spesso e volentieri inciampavo nel famoso “blocco dello scrittore”: personalmente non era dovuto quasi mai a carenze di idee, quanto al fatto che pretendevo da me una scrittura immediatamente perfetta, quindi pretendevo una dote che solo i più grandi talenti hanno e che io, evidentemente non ho.

Ma quanto a testardaggine e perseveranza…posso sfidare chiunque eh! Comunque scrivete senza freni senza curarvi troppo della forma.

blog-post-efficace

7. Pausa!

Ok, è passata quasi un’ora e avete buttato giù la brutta copia del vostro articolo: questo significa che avete lavorato duro e vi siete meritati una piccola pausa relax quindi andatevi a fare un caffè, un tè, una camomilla…insomma quello che volete.

blog-post-efficace

8. Ordina la tua orripilante bozza

Quando tornerai dalla pausa e darai una prima occhiata al tuo testo la tua espressione facciale sarà del tipo “oh my God!”: hai scritto un mucchio di oscenità e ne sei giustamente costernato ma calma… è tutto normale. Ricomincia a dare a quella massa informe di ripetizioni, parole sbagliate, articoli determinativi messi alla male e peggio e punteggiature a casaccio, un senso.

Piano piano il corpo del tuo testo comincerà a prendere le sembianze di un vero e proprio blog post efficace!

9. Fai un Titolo strepitoso!

C’è un content marketer molto più bravo di me che dice: “dedica al titolo lo stesso tempo che hai dedicato a scrivere il contenuto”. Ciò non significa che dovete cronometrarvi, ma solamente che dovete prestare la massima attenzione nel costruire un titolo seo friendly, che catturi l’attenzione e dia un senso di urgenza al tuo utente target.

Ideare un buon titolo è molto difficile e vale tutto il tuo tempo e lo sforzo delle tue meningi per renderlo unico e ben congeniato.

10. Fai correggere il post a qualcuno

E’ estremamente utile usufruire di un parere esterno: può senz’altro aiutarti a focalizzare dei punti deboli del tuo testo ai quali non avevi pensato perché, avere lo stesso contenuto sotto gli occhi, dopo un po’, dà assuefazione: ti abitui alle parole che hai scelto e, seppur sbagliate, per qualche strana ragione ti sembreranno avere un senso.

11. Pubblica e vai a festeggiare!

Il tanto agognato momento è arrivato: se hai portato a termine tutti e 10 i punti qui sopra, clicca il pulsante pubblica e vai a berti una birra ;-). Te lo sei meritato!

blog-post-efficace

Ora tocca voi: qual è il vostro metodo? Che strategia di scrittura utilizzate?

Mauro
Blogger da quando avevo 15 anni, oggi Web Marketer appassionato. Sono curioso come una scimmia, e soffro di due forti dipendenze: la musica e la pizza.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.