Possiamo rifiutare di pagare fuoriuscite per le opere nella comunità dei proprietari?

In situazioni economiche come quella attuale, ogni spesa in più può sbilanciare il bilancio. E una delle spese extra più comuni dei proprietari degli immobili sono gli sversamenti derivanti da lavori eseguiti nella comunità dei proprietari. L'assemblea dei proprietari raggiunge un accordo, i lavori vengono appaltati e ci viene addebitata la parte proporzionale dell'importo dei lavori. In questi casi è normale che ci chiediamo in quali occasioni possiamo rifiutarci di pagare gli sversamenti per lavori nella comunità dei vicini e in quali no, poiché così possiamo decidere e agire con un po' più di conoscenza in materia. Per questo motivo, in questo articolo di OneHOWTO spieghiamo i dettagli a riguardo.

Potrebbe interessarti anche: Come tenere la contabilità di una comunità di proprietari

Tipi di lavori che vengono eseguiti nella comunità dei proprietari

Per sapere se possiamo rifiutarci di pagare la parte proporzionale che ci corrisponde di uno sversamento per lavori nella comunità di vicini, la prima cosa è distinguere i due tipi di lavori che si possono fare in una comunità di proprietari :

  • Lavori necessari per la conservazione dell'edificio o per migliorare l'accessibilità e la comunicazione con l'esterno dell'edificio.
  • Opere che prevedono miglioramenti strutturali o funzionali.

Come sapere se possiamo rifiutarci di pagare i lavori della comunità dei proprietari

Nella prima tipologia di opere non possiamo rifiutarci di pagarlo, poiché il pagamento dei lavori necessari è obbligatorio per tutti i membri della comunità, siano essi per la conservazione dell'edificio o per migliorare l'accessibilità e la comunicazione con l'esterno.

D'altra parte, possiamo rifiutarci di pagare i lavori di miglioramento , ma solo se l'importo che dobbiamo pagare supera l'importo abituale che paghiamo alla comunità in tre mesi , possiamo rifiutare anche se c'è un accordo di maggioranza della comunità per svolgere il lavoro.

Nel caso in cui decidessimo di non pagare, la collettività può impedirci di utilizzare l'opera o l'installazione eseguita come miglioramento, ma solo quando fattibile. Se ad esempio viene installato un ascensore, non possono impedirci di utilizzarlo, ma se installano l'ascensore con un sistema a chiave come meccanismo ad uso esclusivo, non avendo noi contribuito all'installazione, non avremo il diritto avere quelle chiavi e quindi all'uso di detto ascensore.

Per questo, se decidiamo di non pagare per una ristrutturazione, dovremo tenere conto che possono limitarne l'uso, anche se non dobbiamo dimenticare che il costo del miglioramento degli edifici rappresenta un esborso significativo che non tutte le famiglie possono permettersi.

Se desideri leggere altri articoli simili a Possiamo rifiutarci di pagare gli sversamenti per i lavori nella comunità dei proprietari? , ti consigliamo di entrare nella nostra categoria Economia e business.

Torna su