Problemi comuni dell’amplificatore per auto (e come risolverli)

Cosa devi sapere

  • Alcuni dei problemi più comuni includono la mancata accensione dell’amplificatore, l’assenza di suono dall’amplificatore o l’accensione della spia della modalità di protezione.
  • Altri problemi dell’amplificatore includono distorsioni del suono clippato, sibili e persino suoni simili a flatulenze.

Questo articolo spiega sei problemi comuni dell’amplificatore per auto e come risolverli.

Alcuni dei problemi dell’audio dell’auto comunemente attribuiti agli amplificatori includono la distorsione del suono, nessun suono, e persino strani suoni come le scoregge. Alcuni di questi problemi possono essere causati da un amplificatore rotto, ma tutti possono essere causati da altri problemi sottostanti che esisteranno ancora se si cerca di risolvere il problema con un nuovo amplificatore.

Se l’amplificatore non si accende affatto

Per accendersi, l’amplificatore deve essere alimentato dal telecomando e dai cavi di alimentazione, più una buona massa. Quindi, se notate che il vostro amplificatore non si accende affatto, questo è un buon punto di partenza.

Se il cavo di alimentazione remota non ha corrente, il tuo amplificatore non si accenderà. Il cavo remoto agisce essenzialmente come il tuo dito che preme un interruttore, dove il tuo dito è l’alimentazione della batteria, e l’interruttore è un meccanismo all’interno dell’amplificatore.

Il cavo di alimentazione remota di solito proviene dalla radio, nel qual caso il vostro amplificatore non si accende se la radio non è accesa. Quindi, se non c’è corrente al terminale remoto del tuo amplificatore, il prossimo passo è controllare se c’è corrente al filo corrispondente dove si collega alla radio.

Se il vostro amplificatore è cablato in modo errato, e l’alimentazione remota è collegata al posto del filo dell’antenna di alimentazione all’unità principale, potreste scoprire che l’amplificatore si accende solo a volte. In questa situazione specifica, l’amplificatore normalmente si accende solo quando l’ingresso audio dell’unità principale è impostato su radio AM o FM.

Il cavo di alimentazione è la prossima cosa da controllare se non si incontrano problemi con il cavo remoto. Questo cavo sarà molto più spesso del cavo remoto e dovrebbe avere la tensione della batteria. Se non lo fa, vorrete controllare se c’è un fusibile in linea e verificare che il cavo non sia allentato, corroso o in corto circuito da qualche parte.

Se i fili di controllo e di alimentazione sono buoni, la prossima cosa da cercare è la continuità del filo di terra. Se la connessione a terra è scarsa, o non è collegata affatto, l’amplificatore potrebbe non accendersi o non funzionare molto bene.

Se trovate che l’amplificatore ha una buona potenza e terra, che il cavo remoto ha tensione quando l’unità principale è accesa, e che nessuno dei fusibili è bruciato, allora probabilmente avete a che fare con un amplificatore rotto.

Se la spia della modalità di protezione si accende

Gli amplificatori sono spesso progettati per andare in «modalità di protezione» per prevenire ulteriori danni ai componenti interni. Se il tuo amplificatore ha una spia di «protezione» ed è accesa, è molto probabile che tu abbia un altoparlante, un subwoofer, un cavo o un altro componente difettoso. In primo luogo, vorrete controllare l’alimentazione, come indicato nella sezione «se il vostro amplificatore non si accende affatto», giusto per coprire le vostre basi. Se tutto va bene, allora dovrete escludere i problemi con i singoli componenti.

Il primo passo nella diagnosi di una spia della modalità di protezione dell’amplificatore è semplicemente scollegare i cavi dei diffusori. Se notate che la luce si spegne a quel punto, è una scommessa abbastanza sicura che il problema risiede in uno degli altoparlanti. Per determinare dov’è il problema, puoi eseguire un’ispezione visiva di ogni altoparlante e subwoofer del tuo sistema.

Se notate che uno di essi è saltato, allora potrebbe essere la causa del vostro problema. Puoi anche usare un ohmmetro per verificare che nessuno dei diffusori sia a terra, cosa che pụ succedere se uno dei fili dei diffusori si allenta e viene a contatto con la terra o se le connessioni dei diffusori stessi sono in contatto con il metallo nudo.

Se non riesci a trovare alcun problema con i tuoi diffusori, anche i cavi di collegamento RCA che sono a terra o difettosi possono causare l’accensione della spia di protezione. Per verificarlo, puoi collegare un set di buoni cavi RCA all’unità principale e all’amplificatore. Se questo causa lo spegnimento della luce, la sostituzione dei cavi RCA risolverà il problema.

Se sembra che l’amplificatore sia in clipping

Il clipping è un tipo di distorsione del suono che si verifica perché una forma d’onda audio viene «tagliata» dall’amplificatore. Questo è un segno che l’amplificatore viene sovraccaricato da un subwoofer o da altri altoparlanti al punto che semplicemente non pụ fornire abbastanza potenza. Nelle configurazioni audio domestiche, il clipping è solitamente causato da un amplificatore poco potente o da altoparlanti inefficienti, ma i cavi allentati o bruciati possono presentare problemi simili nelle automobili.

Un amplificatore che non è semplicemente abbastanza potente per i diffusori che hai collegato è la causa più probabile del clipping, nel qual caso dovrai migliorare l’amplificatore o ridurre i diffusori. Quindi, se pensate che il vostro amplificatore per woofer o subwoofer stia clippando, la prima cosa da fare è confrontare la potenza dell’amplificatore con quella dell’altoparlante.

Se controllate che l’amplificatore abbia una potenza sufficiente per l’applicazione, potrebbe esserci un problema con i cavi dei diffusori, con i diffusori stessi o con la massa dell’amplificatore.

Se dagli altoparlanti non esce alcun suono…

Se il tuo amplificatore si accende bene, allora vorrai assicurarti che stai ricevendo un ingresso dalla tua unità principale. Questo è un processo abbastanza facile se avete accesso sia all’unità principale che all’amplificatore – semplicemente scollegate i cavi RCA da ogni unità e ricollegateli con un buon set.

Controllare che l’unità principale sia accesa, che il volume sia alzato e che si eseguano vari ingressi, come il sintonizzatore radio, il lettore CD o l’ingresso ausiliario. Se tutto funziona dopo aver bypassato i cavi RCA installati, allora devi solo sostituirli con un buon set. Se ottieni il suono da un ingresso ma non da un altro, il problema è nella tua unità principale, non nel tuo amplificatore.

Se ancora non ottieni nessuna uscita dal tuo amplificatore, allora vorrai provare a scollegarlo dagli altoparlanti del tuo veicolo e collegare un altoparlante conosciuto buono che non sia nella tua auto. Se l’amplificatore lo pilota bene, allora hai un problema con i tuoi altoparlanti o il cablaggio. Se ancora non ottieni il suono, allora potresti avere un amplificatore difettoso, anche se vorrai controllare che non sia in modalità «subbed» e che tu non abbia filtri in conflitto prima di condannare l’unità.

Se sentite molto sibilo o altre distorsioni nei diffusori

Per localizzare la fonte della distorsione, dovrete escludere ciascuna delle possibili cause. Per prima cosa, dovreste ispezionare i fili di collegamento e i cavi degli altoparlanti. Se i cavi che collegano l’unità principale e l’amplificatore passano vicino a qualsiasi cavo di alimentazione o di terra in qualsiasi punto, possono captare interferenze che saranno poi sentite come distorsione.

Lo stesso vale per i cavi dei diffusori. Anche se questo pụ essere un problema fastidioso da rintracciare, risolverlo è una semplice questione di instradare i fili in modo che non siano da nessuna parte vicino a qualsiasi cavo di alimentazione o di terra, e incrociarli con un angolo di 90 gradi se assolutamente necessario. Anche l’uso di cavi di qualità superiore o di cavi con una buona schermatura pụ aiutare.

Se non riuscite a trovare alcun problema nel modo in cui sono instradati i cavi di collegamento o i fili dei diffusori, potete provare a scollegare i diffusori dall’amplificatore. Se sentite ancora dei rumori, allora potreste voler controllare se c’è una massa difettosa.

Naturalmente, il problema potrebbe sempre essere nella tua unità principale, o in qualsiasi altra cosa tu stia usando come fonte audio. Per maggiori informazioni su come diagnosticare questo tipo di problema, vedi come affrontare i loop di terra, e maggiori dettagli sulle cause del sibilo degli altoparlanti dell’auto.

Se il subwoofer suona come se stesse scoreggiando…

Strani suoni possono provenire da un subwoofer che è sovrapotenziato, sottopotenziato o semplicemente installato in modo non corretto, quindi andare a fondo di questo particolare problema pụ richiedere un po’ di lavoro.

Per prima cosa, vorrete eliminare qualsiasi problema con l’involucro del diffusore. Se il contenitore non è adatto al vostro particolare subwoofer, allora il subwoofer di solito non suonerà bene. Se l’altoparlante non è montato correttamente, pụ perdere aria mentre si ascolta la musica. Questo pụ causare uno sfortunato suono di scoreggia, poiché il cono vibrante dell’altoparlante fa ś che l’aria si muova dentro e fuori il cabinet oltre il giunto. Questo pụ essere risolto semplicemente posizionando correttamente l’altoparlante.

Se non ci sono problemi con la cassa, allora vorrai assicurarti che il woofer sia abbinato all’impedenza. L’accoppiamento dell’impedenza è abbastanza semplice se hai un sub collegato a un amplificatore: o è accoppiato o non lo è. Se avete più subwoofer collegati a un singolo amplificatore, dovrete fare alcuni calcoli a seconda che siano collegati in serie o in parallelo.

Se trovi che le impedenze corrispondono, allora vorrai controllare le potenze del tuo sub e dell’amplificatore e fare le correzioni necessarie se l’amplificatore è sottopotenziato o sovralimentato. Nel caso in cui tu stia semplicemente sovralimentando il sub, puoi prendere un subwoofer più grande o semplicemente non sovralimentarlo, cioè abbassare il guadagno della tua unità principale, abbassare il bass boost e regolare tutte le impostazioni finché il tuo woofer non smette di scoreggiare dappertutto.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba