La guida completa al rooting del tuo dispositivo Android

È probabile che se sei un utente Android, , probabilmente ti sei chiesto se puoi rootare il tuo telefono, in quanto è un buon modo per uscire dalle restrizioni dell’operatore, accedere a nuove versioni del sistema operativo e migliorare le prestazioni del tuo dispositivo. Il rooting è complicato, ma non è difficile da fare, e se si seguono attentamente le istruzioni e si prepara il dispositivo, non ci sono molti problemi. Ecco come rootare in modo sicuro il tuo telefono e come ottenere il massimo dalla tua nuova libertà.

Le istruzioni che seguono dovrebbero applicarsi indipendentemente da chi ha fatto il tuo telefono Android : Samsung, Google, Huawei, Xiaomi, ecc.

Preparare il tuo telefono

Come una grande operazione chirurgica, il rooting richiede un po’ di preparazione prima di iniziare. Prima di iniziare il processo, assicuratevi di fare il backup di tutti i dati sul vostro telefono. Puoi fare il backup delle tue cose sui server Google o usare un’applicazione di terze parti come Helium.

Il processo di rooting

Successivamente, è necessario scegliere il tipo di software che si desidera utilizzare per il rooting del dispositivo. Ci sono diversi programmi che puoi usare per fare il root del tuo telefono, ma ognuno varia quando si tratta di compatibilità. I più popolari sono KingRoot, KingoRoot e Towelroot. Il forum di XDA Developers è una risorsa eccellente per l’aiuto e le istruzioni sul rooting. In alternativa, è possibile installare una ROM personalizzata come LineageOS o Paranoid Android, che sono versioni alternative del sistema operativo Android. Il processo di rooting effettivo varia a seconda del software o della ROM personalizzata che usi. Il software pụ richiedere lo sblocco del bootloader, che controlla quali applicazioni vengono eseguite sul telefono, e l’installazione di un’applicazione di gestione root per la protezione della sicurezza e della privacy. Se optate per un APK, vorrete scaricare un root checker per assicurarvi che il processo abbia avuto successo. Se si installa una ROM personalizzata, questo non è necessario. Di nuovo, il forum XDA Developers ha una ricchezza di informazioni basate sul dispositivo e sulla versione del sistema operativo che avete.

Se volete continuare a leggere questo post su "La guida completa al rooting del tuo dispositivo Android" cliccate sul pulsante "Mostra tutti" e potrete leggere il resto del contenuto gratuitamente. ebstomasborba.pt è un sito specializzato in Tecnologia, Notizie, Giochi e molti altri argomenti che potrebbero interessarvi. Se desiderate leggere altre informazioni simili a La guida completa al rooting del tuo dispositivo Android, continuate a navigare sul web e iscrivetevi alle notifiche del blog per non perdere le ultime novità.

Seguir leyendo


Tutto sulle custom ROM

Due delle custom ROM più popolari sono LineageOS e Paranoid Android. LineageOS p permette al tuo dispositivo di accedere a nuove funzionalità prima dei dispositivi non- rooted. Questa ROM personalizzata ti dà anche una tonnellata di opzioni di personalizzazione (sappiamo che Android persone amano questo) per tutto dalla schermata iniziale, lock screen e altro. Paranoid Android offre anche diverse funzioni aggiuntive e personalizzazioni, tra cui la modalità immersiva, che nasconde le distrazioni come le barre di sistema, la data e l’ora e i pulsanti del software, in modo da potersi concentrare sul gioco, il video o qualsiasi altro contenuto che si sta utilizzando. Dato che le ROM personalizzate sono open source e regolarmente aggiornate, troverete diverse versioni disponibili per il download. Le versioni sono divise in quattro categorie: nightly, milestone snapshot, release candidate e stable. Le versioni notturne, come si pụ intuire, sono rilasciate di notte e sono spesso piene di bug, mentre le istantanee delle pietre miliari sono un po’ più stabili, ma ancora soggette a problemi. La candidata alla release si spiega da sola: è stabile, ma pụ avere problemi minori mentre le release stabili sono quasi perfette. Se non sei tecnico o non vuoi avere a che fare con i bug, è meglio attenersi alle release stabili o candidate alla release. D’altra parte, se ti piace armeggiare, nightly o milestone snapshot sono buone opzioni; puoi anche aiutare segnalando i bug che trovi.

Vantaggi del rooting

Il rooting ha molti vantaggi, come una migliore personalizzazione e un maggiore controllo sul dispositivo. Ci sono anche una serie di potenti applicazioni che è possibile utilizzare, come Titanium Backup , che offre backup programmati, integrazione del cloud storage e altro ancora. Greenify ti aiuta a risparmiare la durata della batteria e a migliorare le prestazioni con una modalità di ibernazione per alcune applicazioni.

Svantaggi del rooting

I vantaggi superano gli svantaggi del rooting. Detto questo, ci sono alcuni rischi, tra cui una piccola possibilità di bloccare il telefono (cioè renderlo inutile). Tuttavia, se si seguono attentamente le istruzioni di rooting, è improbabile che questo accada. È anche possibile che il rooting possa rompere la garanzia del tuo dispositivo, anche se se il tuo telefono ha uno o due anni, potrebbe già essere fuori garanzia comunque. Infine, il tuo dispositivo potrebbe essere soggetto a problemi di sicurezza, quindi vale la pena scaricare una solida applicazione di sicurezza, come 360 Mobile Security o Avast. per essere al sicuro.

Sblocca il tuo telefono

E se cambi idea, o vuoi vendere il tuo dispositivo? Nessun problema, il rooting è reversibile. Se hai rootato il tuo telefono senza flashare una custom ROM, puoi usare l’applicazione SuperSU per unroot. L’app ha una sezione chiamata wipe, che ha un’opzione di unroot completo. Toccando questo vi guiderà attraverso il processo di sradicamento. Se questo non funziona, potresti dover sradicare manualmente il tuo dispositivo. Se hai flashato una ROM personalizzata, dovresti resettare il tuo dispositivo alle impostazioni di fabbrica. La metodologia per questo è diversa per ogni produttore di . How-To Geek t ha un’utile guida che descrive dove trovare le istruzioni in base al produttore del dispositivo e al sistema operativo in uso. Sradicare è un po’ complicato, quindi ancora una volta, assicuratevi di fare un backup di tutti i vostri dati prima di procedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.